Lettore QR: tutto quello che devi sapere

Il lettore QR è il dispositivo che consente di leggere i codici QR utilizzati in diversi ambiti: dalla pubblicità ai biglietti da visita, dai pagamenti alla fatturazione elettronica.

Che cos’è il codice QR?

Il codice QR è una tipologia di codice a barre in grado di creare collegamenti ipertestuali tra il mondo online e quello offline e può essere decodificato attraverso un apposito dispositivo, ovvero il lettore QR, in grado di rilasciarne il contenuto.

In altre parole, il codice QR trasforma mezzi di comunicazione tradizionali, come giornali, manifesti pubblicitari o biglietti da visita, in strumenti di informazione integrati a link e pagine web. Inoltre, questo tipo di codice ha aperto la strada al Mobile Payment poiché permette di effettuare transazioni senza utilizzare denaro contante o carte di credito.

Che cos’è il codice QR? Il codice QR è un codice a barre bidimensionale (o codice 2D) di forma quadrata composto da diversi moduli di colore nero inseriti all’interno di uno schema a sfondo bianco. La sua funzione principale è l’archiviazione di informazioni e dati: un solo crittogramma può contenere fino a 7.089 caratteri numerici e 4.296 caratteri alfanumerici. In genere, il formato matriciale è di 29X29 quadratini e contiene 48 alfanumerici.

La sigla “QR” deriva dal termine inglese Quick Response Code, letteralmente Codice a risposta rapida, e indica la velocità attraverso cui il codice 2D è in grado di fornire informazioni che possono essere lette in maniera rapida attraverso un lettore QR.

Cerchi una soluzione di pagamento semplice, innovativa e conveniente? Scopri ora le soluzioni Axepta e inizia ad accettare pagamenti digitali

Quando nasce il QR code e quali informazioni contiene?

Il codice QR è stato sviluppato nel 1994 dalla compagnia giapponese Denso Wave per tracciare i pezzi di automobili nelle fabbriche di Toyota e, grazie alla sua capacità di contenere più dati di un classico codice a barre, in breve tempo è diventato uno strumento utilizzato da numerose fabbriche per la gestione delle scorte.

Nel 1999 la decisione della Denso Wave di distribuire i codici QR code sotto licenza libera ne ha facilitato la diffusione in tutto il paese del Sol Levante e nello stesso anno NTT Docomo, il più importante operatore telefonico giapponese nel campo della telefonia mobile, ha lanciato sul mercato i-mode il servizio che consente il collegamento degli smartphone alla rete internet.

Nella seconda metà degli anni 2000, complice lo sviluppo delle prime applicazioni per cellulari, in Giappone i codici QR sono utilizzati principalmente nella cartellonistica pubblicitaria e nelle pubblicità contenute all’interno di giornali e riviste per veicolare in modo facile e veloce URL e pagine web, ma vengono utilizzati anche sui biglietti da visita per semplificare l’inserimento dei dati nella rubrica del proprio smartphone.

In Europa e negli Stati Uniti, invece, la tecnologia 2D inizia a diffondersi solo verso la fine degli anni 2000 grazie all’espansione del mercato degli smartphone che, attraverso l’uso di applicazioni specifiche, sono gli strumenti perfetti per veicolare le informazioni contenute nei QR code.

Tra le informazioni possono essere decifrate scannerizzando un codice QR ci sono:

  • Siti internet, URL e pagine web;
  • Informazioni di contatto: numeri di telefono e indirizzi e-mail;
  • Contenuti grafici: immagini, fotografie, video e suoni;
  • Documenti in formato Word, PDF, eccetera;
  • Moduli e link di pagamento;
  • Mappe;
  • Testi;
  • Biglietti da visita.

Imager 2D: il lettore QR che legge i codici a barre bidimensionali

L’Imager 2D è il lettore QR in grado di leggere sia codici a barre lineari (o 1D), composti da una successione di barre e spazi, sia codici a barre bidimensionali e può essere bluetooth, wireless o dotato di cavo USB.

I dispositivi dotati di tecnologia imaging 2D consentono una lettura del QR code più rapida ed efficiente poiché sono capaci di catturare l’immagine, analizzarla e leggerla in qualsiasi direzione grazie all’ottica omnidirezionale che proietta una griglia di scansione in grado di acquisire il codice bidimensionale indipendentemente dall’orientamento del dispositivo.

Infatti, a differenza dei lettori Laser e Linear Imager, capaci di decodificare solo codici 1D, non è necessario allineare il fascio di lettura orizzontalmente per permettere al laser di attraversare ogni parte dell’immagine: basta posizionare il codice all’interno dell’area di lettura generata dal dispositivo.

Inoltre, i lettori imager 2D possono leggere i codici a barre visualizzati sui display di cellulari, tablet e computer e sono in grado di acquisire codici a barre difficili da leggere o danneggiati.

Transazioni digitali e lettore QR: come funzionano i pagamenti con QR code?

I codici QR assumono funzioni differenti in base al campo di utilizzo e sono utilizzati in diversi ambiti: dalla pubblicità al business, dai musei alle città turistiche, dall’emissione e registrazione delle fatture elettroniche ai pagamenti con smartphone e dispositivi mobili.

Infatti, il denaro contante e le monete stanno lasciando sempre più spazio ai pagamenti digitali che nel 2020, secondo i dati dell’Osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano, hanno toccato quota 5,2 miliardi di transazioni, passando dal 29% al 33% del valore dei pagamenti in Italia.

Tra le diverse modalità di pagamento con smartphone, i pagamenti con QR stanno riscontrando particolare successo: basti pensare che in Cina sono già utilizzati da più di 1 miliardo di utenti mentre in Europa e in Italia si sono diffusi rapidamente nel corso del 2019.

Come avviene il pagamento con QR code? I pagamenti con codici bidimensionali sono facili, veloci e sicuri: lo schermo del lettore QR inquadra il codice che rimanda alle informazioni di pagamento prima di approvare e ultimare la transazione.

Pagamenti QR code con e senza lettore QR: Hi-POS! e ClicPay di Axepta

Axepta BNP Paribas, player nel settore pagamenti innovativi, offre a esercenti e commercianti due soluzioni per incassare pagamenti con QR code in modo semplice, veloce e sicuro:

POS Android Hi-POS!
Hi-POS! di Axepta è un terminale moderno e molto simile a uno smartphone, dotato di schermo touch screen, connessione Wi-Fi, doppia fotocamera integrata e sistema operativo Android. La doppia fotocamera permette al dispositivo di ricevere pagamenti con QR code accettando le modalità di pagamento più innovative e diffuse nel Mondo, come Alipay e WeChat Pay. Come?

    1. L’esercente digita l’importo sul terminale POS
    2. Il cliente apre l’applicazione genera il QRcode e Barcode
    3. Il merchant inquadra il QRcode e il Barcode
    4. Il pagamento è così avvenuto con successo

ClicPay
ClicPay è la soluzione di pagamento pensata da Axepta per negozianti, attività e liberi professionisti che desiderano incassare pagamenti elettronici senza il bisogno di un terminale POS. Come funziona ClicPay? Permette all’esercente di inviare richieste di pagamento tramite SMS, Whatsapp, e-mail o QR code in modo semplice e sicuro. Il commerciante potrà anche:

    1. Creare un QR code da esporre in negozio
    2. Inviare via e-mail o allegare in fattura

Una volta aperto il link ricevuto, il cliente approderà su una pagina di pagamento sicura e potrà scegliere di pagare con il metodo che preferisce.

Accetta pagamenti digitali senza bisogno di un POS o di un sito eCommerce inviando con ClicPay richieste di pagamento in modo semplice e sicuro via SMS, Whatsapp, e-mail o generando un QR Code