Auto aziendali: qual è la soluzione migliore per le piccole aziende?

Auto aziendali: noleggio, leasing, acquisto o car sharing? Tutte le soluzioni migliori per le aziende

Chi gestisce un’attività si trova spesso a confrontarsi con la scelta delle auto aziendali. Esistono, infatti, diverse possibilità pensate appositamente per gli spostamenti in ambito lavorativo. Sarà l’imprenditore a scegliere la soluzione ideale per le proprie esigenze.

Anche le attività lavorative meno dinamiche necessitano di un piano di organizzazione per i propri spostamenti aziendali. Le auto aziendali sono senza dubbio la soluzione ideale! Muoversi con un’auto aziendale è semplice, comodo e conveniente. Per gestire i propri trasferimenti lavorativi esistono numerose opportunità: noleggiare un’auto aziendale, sottoscrivere un finanziamento in leasing o acquistarla. In alternativa è possibile affidarsi ai moderni servizi di car sharing, consigliati per le attività che non necessitano di particolari spostamenti.

Un tema particolarmente importante in ambito spostamenti lavorativi è la deducibilità delle spese delle auto aziendali. Infatti, il Testo Unico delle Imposte sui Redditi (TUIR), in particolare nell’articolo numero 164, garantisce la totale deducibilità dei costi legati a veicoli il cui uso è unicamente legato all’attività lavorativa come bene strumentale. Partendo da questo presupposto, è chiaro che utilizzare un veicolo aziendale risulti una soluzione particolarmente economica per molti imprenditori.

Soprattutto le piccole e medie imprese, per gestire i propri spostamenti, dovrebbero considerare l’utilizzo di auto aziendali. Prima di organizzare i trasferimenti lavorativi, è importante valutare le proprie necessità e conoscere tutte le possibili opportunità offerte dal mercato.

Scopriamo qual è la soluzione più vantaggiosa per il tuo business: noleggio, leasing, acquisto o car sharing?

Vuoi migliorare i tuoi risultati di business? 
Scegli la soluzione di pagamento Axepta più adatta alle tue esigenze 

 

Auto aziendali: il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine è una delle modalità di utilizzo di auto aziendali più comune tra PMI, agenti e liberi professionisti. Il noleggio consiste nell’avere disponibilità del veicolo per un dato periodo ad un costo omni-comprensivo determinato. In altre parole l’attività potrà affittare un’auto o un veicolo aziendale presso una società di noleggio, semplicemente pagando un canone annuo fisso comprensivo di tutti gli oneri legati all’utilizzo del mezzo.

Il noleggio a lungo termine ha una durata che varia dai 12 mesi ai 5 anni, è quindi particolarmente consigliato per professionisti che necessitano di cambiare auto con particolare frequenza. L’importo annuo comprende oneri finanziari, assicurativi, assistenziali e di manutenzione. Sono quindi incluse nella cifra tutte le spese legate all’assicurazione, al bollo e alla manutenzione ordinaria e straordinaria del veicolo. È un vero e proprio canone all-inclusive che garantisce l’utilizzo completo della vettura.

Il noleggio a lungo termine ha solo una limitazione: ogni contratto è caratterizzato da un tetto massimo di chilometraggio percorribile nell’anno di utilizzo. In altre parole chi affitta l’auto deve rispettare i limiti di chilometraggio imposti dal contratto. Nel caso in cui la cifra stabilita venisse superata, verranno applicati more e costi aggiuntivi rispetto a quelli presenti nel contratto. È quindi essenziale valutare in modo approfondito le proprie esigenze prima di sottoscrivere un contratto di noleggio a lungo termine.

A differenza del leasing, il noleggio a lungo termine non prevede la possibilità di riscatto al termine del contratto. Di conseguenza, una volta concluso il periodo di noleggio, il veicolo andrà semplicemente riconsegnato alla società che lo ha fornito senza possibilità di diventarne proprietario.

Il contratto di noleggio a lungo termine ha molti vantaggi per aziende e attività che necessitano un metodo di spostamento comodo ed economico:

  1. Non implica una spesa iniziale

Noleggiare un’auto aziendale non prevede una spesa iniziale particolarmente importante. Infatti, se acquistare un’auto implica un investimento di risorse immediato, il noleggio include semplicemente le spese legate al canone. Non esistono importi iniziali da versare, l’attività dovrà pagare esclusivamente un canone mensile omni-comprensivo dal primo mese di utilizzo all’ultimo.

  1. Il canone fisso comprende tutti i servizi di utilizzo

La presenza di un importo fisso mensile da versare alla società di noleggio può rivelarsi un benefit importante per molte attività. In primo luogo il canone include tutte le spese legate all’utilizzo: assicurazione, bollo e manutenzione non saranno più problemi di cui preoccuparsi. Inoltre, in caso di guasto alla vettura, la società di noleggio sarà pronta a fornirne una sostitutiva in tempi immediati. In questo modo non esisteranno preoccupazioni o spese impreviste legate all’utilizzo dell’auto in quanto l’importo fisso include tutte le spese possibili.

  1. Consente vantaggi fiscali

Il noleggio a lungo termine, come il leasing e l’acquisto di un auto aziendale, garantisce al soggetto P.IVA che ne fa uso tutti i vantaggi fiscali previsti dalla normativa. È, infatti, possibile dedurre le spese legate all’utilizzo (deducibilità del 20%) e detrarre l’IVA.

Il noleggio a lungo termine rappresenta la soluzione ideale per chi necessita un cambio di vettura frequente (da 1 a 5 anni) e compie spostamenti che non superino in media i 30.000 km annui.

 

Come scegliere l’auto aziendale: il contratto di leasing

Il leasing auto è una delle soluzioni, insieme al noleggio a lungo termine, più utilizzate per acquistare un veicolo ad uso lavorativo. Molte aziende e liberi professionisti, infatti, si affidano a questa forma di finanziamento. Il leasing permette a società e professionisti (recentemente anche a soggetti privati) di utilizzare un veicolo in detrazione per un determinato periodo di tempo. Al termine del tempo prestabilito dal contratto, si potrà decidere di riscattare il veicolo o semplicemente di restituirlo alla società di leasing.

Durante il periodo di leasing i proprietari del veicolo sono due:

  • Il lessor, ovvero la società finanziaria che acquista la vettura e che fornisce la possibilità di stipulare il contratto;
  • Il conduttore, ovvero il cliente che sottoscrive il contratto e utilizza la vettura.

Come funziona? Il leasing è molto simile al noleggio a lungo termine. Viene stipulato un contratto tra società finanziaria e cliente nel quale vengono definite tutte le variabili necessarie. Il leasing, proprio come il noleggio, è caratterizzato da un canone mensile che il cliente deve pagare alla società per poter utilizzare l’auto. L’importo viene definito al momento della sottoscrizione del contratto: si possono pagare canoni omni-comprensivi (che includono anche spese assicurative e pacchetti assistenza) o canoni più economici che includono un minor numero di servizi.

Il contratto di leasing non riporta esclusivamente il canone mensile, bensì specifica anche l’importo che il cliente dovrà versare alla società in caso di riscatto del veicolo al termine del periodo prestabilito. Infatti, trascorso il periodo concordato nel contratto, il cliente potrà scegliere tre diverse soluzioni: riscattare la vettura saldando l’importo definito nel contratto, sottoscrivere un nuovo finanziamento in leasing o restituire definitivamente l’auto al lessor.

I contratti di leasing vengono solitamente stipulati per periodi di utilizzo che partono da 48 mesi e garantiscono, come prevede l’articolo 102, comma 7 del TUIR, privilegi fiscali quali deducibilità dei costi (20%) e detrazione dell’IVA.

Il contratto di leasing e quello di noleggio a lungo termine assicurano gli stessi privilegi fiscali, ma sono differenti in termini di utilizzo del veicolo. Noleggiare un’auto è la soluzione ideale per attività che desiderano cambiare veicolo con particolare frequenza, mentre il finanziamento in leasing è più proiettato verso l’acquisto definitivo del mezzo al termine del periodo di noleggio.

 

Macchine aziendali: conviene acquistarne una?

In alternativa al noleggio a lungo termine e al finanziamento in leasing, esiste la possibilità di acquistare un’auto aziendale. Questa soluzione implica un investimento di risorse notevole e immediato. Comprare un veicolo comporta, infatti, un investimento importante di capitale aziendale e di conseguenza l’impossibilità di utilizzare queste risorse in altri progetti.

Anche l’acquisto definitivo di auto aziendali, come leasing e noleggio, comporta privilegi fiscali per il professionista o per l’attività:

  1. Detraibilità IVA: la normativa prevede che la detraibilità IVA fissata sul costo di acquisto dell’automobile sia del 40%;
  2. Deducibilità dei costi imponibili: la percentuale di deducibilità dei costi imponibili varia in base all’utilizzo e alla categoria di appartenenza del soggetto P.IVA. In media, la quota è fissata al 20%, ma per alcuni professionisti, quali agenti di commercio o promotori finanziari, la deducibilità può arrivare a quota 80%.

 

Auto aziendali: il car sharing

Il car sharing è l’ultima frontiera degli spostamenti, in particolar modo di quelli aziendali. Frost & Sullivan, affermata società di consulenza aziendale, mette in evidenza il trend ultra-positivo del fenomeno car sharing in Italia. Il numero di auto aziendali in car sharing raggiungerà nel 2020 le 100.000 unità, partendo dalle 2.000 iniziali dell’anno 2013.

Ma cos’è il car sharing? È un servizio che consente agli utenti di utilizzare un’auto su prenotazione per un periodo di tempo determinato. Tutti i servizi di car sharing funzionano su sottoscrizione di un abbonamento con pagamento mensile o annuale.

Come funziona? Basterà cercare un servizio di car sharing online, registrarsi e scaricare sul proprio smartphone l’App dedicata. Grazie al servizio di geo-localizzazione sarà semplice trovare le auto più vicine e prenotarne una. Dopo la prenotazione, il veicolo potrà essere ritirato in un parcheggio convenzionato la cui posizione verrà definita dall’utente nel momento della prenotazione. L’utente troverà l’auto chiusa, per sbloccare la serratura esistono due metodi:

  1. Avvicinare al cruscotto la propria smart card, ovvero la tessera rilasciata ad ogni utente dalla società che offre il servizio;
  2. Inserire i codici ricevuti dopo la prenotazione sull’App. Tutti i veicoli di car sharing si caratterizzano per standard di sicurezza particolarmente elevati e tecnologici: per questo sarà possibile aprire l’auto semplicemente con lo smartphone.

La vettura verrà trovata con le chiavi inserite, pronta per essere utilizzata. Durante la prenotazione l’utente potrà decidere in che luogo riconsegnare l’auto. Il pagamento avverrà in base al tempo di utilizzo, ai km percorsi e al modello stesso della vettura.

Il car sharing risulta la soluzione ideale per realtà aziendali che necessitano di spostamenti urbani e poco frequenti. Tutte le P.IVA e le aziende di piccole dimensioni che lavorano nelle grandi città italiane, infatti, hanno la possibilità di scaricare le spese sostenute mediante fatturazione. Inoltre, con il car sharing non sarà necessario preoccuparsi di spese di proprietà, carburante, assicurazione o manutenzione.

 

Car sharing aziendale: Car2Go for business

Car2Go è un servizio nato nel 2012 a Milano: attualmente è uno dei portali di car sharing più utilizzati a livello mondiale. Car2Go è la soluzione ideale per privati e aziende. È, infatti, l’unico sito ad offrire un servizio di abbonamento specifico per le realtà aziendali: Car2Go for business.

Il punto di forza del servizio è senza dubbio il “free floating”, ovvero la possibilità di ritirare e riconsegnare l’auto prenotata ovunque si desideri. In altre parole non esistono parcheggi convenzionati, gli utenti possono ritirare l’auto in qualsiasi punto della città. Basterà cercare un’auto libera con il sito ufficiale, l’App o mediante il servizio di geo-localizzazione. Una volta identificata la posizione della vettura, si potrà utilizzare semplicemente sbloccandola con i codici di prenotazione sullo smartphone.

Anche Car2Go e Car2Go for business, come la maggior parte dei servizi di car sharing, funzionano mediante un abbonamento mensile o annuale. I pagamenti vengono calcolati in base ai km percorsi e al tempo trascorso sulla vettura. Il modello di veicolo non è influente nei pagamenti: tutte le auto del servizio sono, infatti, Smart bianche.

Oggi sono più di 4.500 le aziende italiane che si affidano a Car2Go for business. Il servizio è particolarmente utilizzato per i trasferimenti da aeroporti e stazioni. È molto comodo in quanto semplifica gli spostamenti dei professionisti in città offrendo la possibilità di attraversare zone a traffico limitato e di parcheggiare liberamente e gratuitamente all’interno di strisce blu e gialle.

Car2Go for business è la soluzione più economica per aziende che necessitano trasferimenti brevi e veloci in città. Non esiste, infatti, un prezzo di noleggio o di acquisto prestabilito, i costi vengono calcolati esclusivamente in base alle tempistiche e alle distanze percorse con il veicolo. Non ci sono spese di rifornimento, di manutenzione o di assicurazione.

Il funzionamento è molto semplice: basta creare un account aziendale e inviare un invito ai propri dipendenti, i quali dovranno creare un profilo su Car2Go come privati e al momento del noleggio dell’auto dovranno selezionare se utilizzare il mezzo come privato o come azienda. Ogni mese l’azienda riceverà una fattura elettronica nella quale vengono riportati i dettagli riguardanti i noleggi effettuati nel mese (ore e distanze percorse).

Vuoi far crescere la tua impresa e migliorare i tuoi risultati di business?
Con i sistemi di pagamento di Axepta puoi trovare la soluzione di pagamento online migliore per te

2019-07-24T14:08:46+02:00 24 Luglio 2019|Fai crescere il tuo business, Fai felici i tuoi clienti e il tuo Team|