Video marketing: come utilizzare contenuti video online per il tuo business

Video marketing: cos’è, come funziona e perché è utile per la tua attività 

I contenuti video online stanno ottenendo un successo senza precedenti: basti pensare alla diffusione delle dirette Facebook o all’utilizzo sempre in crescita delle Instagram stories. Per questo per tutte le attività presenti online è indispensabile iniziare a fare video marketing.

Video marketing: cos’è?

Fare video marketing significa creare contenuti di valore in grado di intrattenere, divertire e informare gli utenti. Video marketing è sinonimo di raccontare un marchio facendo leva sull’impatto emozionale degli utenti. Infatti, la probabilità che un utente guardi per intero un video è notevolmente maggiore rispetto a quella con cui si appassionerà a un contenuto testuale.

A cosa serve il video marketing? Questa attività può essere finalizzata alla promozione di un prodotto, alla spiegazione del suo utilizzo o semplicemente alla cura della relazione con il cliente.

Perché è importante fare video marketing? Perché il video marketing rappresenta il futuro del content marketing. Infatti, consente di creare contenuti di valore indispensabili per aumentare la brand awareness e per migliorare la percezione che gli utenti hanno dell’attività. Inoltre, gli utenti prediligono navigare online tramite smartphone e tablet e per questo sono alla ricerca di contenuti brevi, immediati e interattivi: i video sono la soluzione ideale per attirare la loro attenzione.

Scopriamo insieme come impostare una strategia di video marketing e perché questa attività è fondamentale per migliorare i tuoi risultati di business.

 

Online video marketing: alcuni dati da conoscere

Ecco alcuni dati ricavati da rapporti e studi recenti in merito all’importanza dell’integrazione del video marketing all’interno di una strategia aziendale di comunicazione online:

  • Secondo il rapporto Wyzowl “The State of Video Marketing 2019” circa l’80% degli utenti afferma di aver deciso di scaricare un’App in seguito alla visione di un video;
  • Lo stesso rapporto afferma che l’81% dei team di marketing di aziende americane ha ammesso che i video sono stati fondamentali per generare leads;
  • Un’analisi Cisco attesta che più dell’80% del traffico mobile sarà generato da contenuti video nel 2020;
  • La società di software Buffer afferma che il tempo speso dagli utenti nella visualizzazione di video su Instagram aumenta dell’80% ogni anno;
  • Secondo un rapporto di Animoto, società leader in ambito cloud video, circa il 65% dei consumatori visualizza un video su Facebook o Youtube prima di acquistare un prodotto;
  • Facebook afferma che gli utenti commentano le dirette con una media 10 volte superiore rispetto a un contenuto post tradizionale.

Tutti questi dati confermano che i contenuti video rappresentano il futuro del content marketing: per questo, che si tratti di grandi aziende, negozi o piccole attività, è indispensabile iniziare a fare video marketing per avere successo online.

 

Video strategy: il modello delle 3 H

Gli esperti di marketing di Google e Youtube hanno suddiviso i contenuti di video marketing in tre macro-categorie, definite le “3 H”. Ogni categoria corrisponde a uno specifico obiettivo aziendale ed è utile per creare una community di utenti e per affermare la web reputation dell’attività online:

  1. Video Hygiene o Help

Questi video sono caratterizzati da contenuti target-oriented, ovvero contenuti interessanti per la target-audience dell’attività. I video Hygiene vogliono informare l’utente rispondendo alle sue domande più comuni. Prima di realizzare questi filmati è necessario fare un’attenta analisi di mercato per comprendere quali siano i consumatori tipo dell’attività e quali le loro domande/ricerche più comuni online.

Lo scopo finale di questi video è ottimizzare la brand awareness dell’attività, ovvero la percezione che gli utenti hanno del marchio. Infatti, fornendo informazioni dettagliate e interessanti, sarà semplice posizionarsi come fonti autorevoli nella percezione dei consumatori.

  1. Video Hub

I contenuti Hub sono video emozionali volti a consolidare ulteriormente la brand reputation online. Questi video devono contenere storie interessanti e allo stesso tempo emozionanti, storie nelle quali gli utenti possano facilmente riconoscersi.

I video Hub devono essere condivisi online con una cadenza periodica: è importante “fissare un appuntamento” con i propri utenti, così da creare una vera e propria community interessata a ciò che l’azienda ha da dire.

  1. Video Hero

I video Hero sono il fulcro della brand awareness: sono contenuti finalizzati a migliorare costantemente la percezione che gli utenti hanno del marchio. Devono essere contenuti esclusivi e rari.

Un esempio? Un live-stream di un evento aziendale o un annuncio importante riguardante una decisione presa dall’attività. Questi contenuti aiutano il consumatore a sentirsi parte integrante dell’attività e consolidano notevolmente il rapporto di fiducia tra azienda e cliente.

 

Video strategy: le diverse tipologie di contenuti video

Proprio come ogni attività di marketing, anche fare video marketing implica necessariamente una fase di attenta analisi e pianificazione. Infatti, come abbiamo già detto, esistono diverse tipologie di video: per avere successo è indispensabile comprendere quali utilizzare e quando preferirne una piuttosto che un’altra.

Ecco un’analisi più dettagliata dei contenuti maggiormente utilizzati per fare video marketing:

  • Vlog: video che, proprio come gli articoli di un blog aziendale, raccontano qualcosa di utile per l’utente e rispondono alle sue domande più comuni;
  • Webinair: veri e propri eventi online in videoconferenza ai quali partecipano più persone che esprimono la propria opinione riguardo a un argomento;
  • Video interviste: pareri di professionisti del settore riguardo a un prodotto o a una tematica interessante per gli utenti;
  • Tutorial: video finalizzati a spiegare come funziona un determinato prodotto;
  • Advertising: contenuti promozionali a pagamento finalizzati alla vendita di uno o più prodotti. Generalmente l’attività di video advertising viene svolta su Youtube poiché questa piattaforma prevede dei costi particolarmente ridotti. Infatti, il pagamento avviene esclusivamente quando l’utente trascorre più di 30 secondi guardando il video o quando clicca sull’annuncio. Esistono tre categorie di video advertising su Youtube:
  1. In stream, ovvero filmati visibili prima del video su Youtube;
  2. Discovery, ovvero filmati inseriti all’interno dei risultati di ricerca su Google;
  3. Bumper, ovvero filmati più brevi e unskippable (non si possono saltare).

 

Dove fare video marketing?

Per avere successo con l’attività di video marketing è indispensabile scegliere il giusto canale tramite il quale condividere e diffondere i propri contenuti. Ecco quali sono quelli più utilizzati:

  • Youtube

Un canale Youtube aziendale è il primo alleato per iniziare a fare video marketing in modo corretto. Infatti, i video condivisi su Youtube saranno visibili anche all’interno dei risultati di ricerca Google. Creare un canale Youtube è gratuito e richiede pochi minuti.

Quali contenuti pubblicare su Youtube? Quelli più lunghi e di qualità, che richiedono una maggiore attenzione da parte dell’utente. Contenuti informativi o video tutorial sono i video più cercati e apprezzati su Youtube.

Per creare contenuti di successo su Youtube è importante inserire un titolo e una descrizione accattivante, possibilmente contenenti le parole chiave più cercate dagli utenti legate all’argomento in questione. Ricorda: è importante pubblicizzare il proprio canale Youtube all’interno delle pagine Social aziendali o del sito web ufficiale.

  • Facebook

Facebook si sta trasformando sempre più velocemente in un canale prettamente video. Infatti, una recente ricerca HubSpot afferma che più del 65% degli utenti che naviga su Facebook si sofferma per lo più sui contenuti video. Per questo è indispensabile utilizzare la pagina Facebook aziendale per condividere video interessanti.

Quali video postare su Facebook? Il consiglio è di condividere filmati informativi riguardanti argomenti specifici o video tutorial brevi e accattivanti. È importante inserire titoli e testi all’interno del video poiché più della metà degli utenti visualizza i contenuti multimediali su Facebook in modalità muto.

Infine, è importante saper utilizzare al meglio le dirette Facebook. Un’idea vincente è utilizzarle per comunicazioni ufficiali, annunci esclusivi o per condividere il filmato live-stream di un evento aziendale.

  • Instagram

Instagram è il Social Network del momento e per questo è indispensabile utilizzarlo anche per fare video marketing. Le metodologie più efficaci per condividere video su Instagram sono due:

  1. IG Stories, ideali per condividere sondaggi, brevi video informativi riguardo ad alcuni prodotti o video riguardanti l’attività;
  2. IGTV, un canale appositamente creato per la condivisione di video più lunghi. IGTV è la soluzione perfetta per condividere tutorial o live-stream di un particolare evento.

 

Come fare video marketing: 5 consigli utili

Ecco 5 suggerimenti utili per iniziare a fare video marketing:

  1. Prima di creare contenuti video analizza il tuo pubblico target

Il primo step per avere successo con il video marketing è analizzare il pubblico target della tua attività. Infatti, solo studiando quali sono le esigenze dei consumatori e quali sono le loro ricerche online più comuni potrai realizzare contenuti di qualità e di successo.

  1. Realizza video brevi e chiari

Gli utenti sono alla ricerca di contenuti immediati, brevi e chiari: infatti, la maggior parte dei consumatori utilizza smartphone e tablet per visionare i filmati online e lo fa durante brevi momenti di pausa durante la giornata. Per questo è indispensabile creare contenuti immediati in grado di mostrare all’utente ciò di cui ha bisogno fin da subito. Un consiglio interessante è indicare la lunghezza del video fin da prima che l’utente lo apra al fine di comunicargli quanto tempo servirà per vedere il filmato.

  1. Utilizza lo storytelling per emozionare gli utenti

I video sono contenuti volti a fare leva sull’emozione dei consumatori. Per questo utilizzare lo storytelling per raccontare la storia delle persone è un’idea vincente per avere successo. Infatti, i video incentrati sulle esperienze personali risultano molto più apprezzati rispetto a quelli incentrati esclusivamente sui prodotti.

  1. Rendi i video fruibili anche senza audio

Molti dei video presenti su Facebook o Instagram vengono visionati nei momenti di pausa quotidiani: durante il break in ufficio o durante il tragitto in metropolitana o in treno. Ma, non sempre gli utenti hanno a disposizione un paio di cuffie: per questo è indispensabile rendere i contenuti multimediali fruibili anche senza audio. Come? Inserendo testi e sottotitoli in grado di comunicare ugualmente il messaggio del video.

  1. Inserisci una Call To Action finale

Un ultimo consiglio per avere successo con il video marketing è inserire una Call To Action finale al termine del video. Infatti, in questo modo sarà possibile sfruttare le sensazioni positive dell’utente per portarlo a fidarsi del tuo brand. Un esempio di CTA? Un link che rimandi a una pagina del sito ufficiale o un bottone per iscriversi alla newsletter del canale Youtube o per seguire la pagina Facebook aziendale.

 

Video marketing aziendale: 3 vantaggi per la tua attività

Perché fare video marketing è importante per il tuo business?

  1. Il video marketing aiuta a fare brand awareness

Condividere video online è un’attività indispensabile per fare brand awareness e per migliorare la brand reputation della tua attività online. Infatti, condividere video informativi o contenenti tutorial aiuta a migliorare la percezione che gli utenti hanno della tua attività rendendo il tuo marchio una fonte autorevole nel tuo settore.

  1. I video sono fondamentali per fidelizzare i clienti

L’attività di video marketing è particolarmente utile per creare una community intorno alla tua attività. Infatti, pubblicando periodicamente contenuti multimediali sui canali Social potrai creare attesa e intrattenimento, fondamentali per fidelizzare gli utenti e renderli interessati costantemente all’operato della tua attività.

  1. I video vengono condivisi più facilmente rispetto agli altri contenuti

Alcune ricerche di Facebook stimano che i contenuti video vengano condivisi circa 12 volte in più rispetto a qualsiasi altro tipo di contenuto. Infatti, si stima che più del 60% degli utenti preferisca guardare un video piuttosto che leggere un post testuale. Per questo creare contenuti video significa aumentare le probabilità di condivisione del contenuto e, di riflesso, aumentare le probabilità di farsi pubblicità gratuitamente tramite le condivisioni degli utenti.

Vuoi far crescere la tua impresa e migliorare i tuoi risultati di business?
Con i sistemi di pagamento di Axepta puoi trovare la soluzione di pagamento online migliore per te

2020-06-19T17:58:27+02:00 19 Giugno 2020|Fai conoscere la tua attività, Fai crescere il tuo business|