Fattura elettronica inviata in ritardo: tutto quello che devi sapere

Cosa prevede la legge in caso di fattura elettronica inviata in ritardo e quali sono le sanzioni?

Fattura elettronica: chi deve emetterla

A partire dal 1°gennaio 2019, in base a quanto previsto dalla Legge di Bilancio 2018, la fatturazione elettronica è obbligatoria per tutti i titolari di partita IVA che operano in ambito B2B e B2C. Il documento digitale è obbligatorio anche per la Pubblica Amministrazione già dal 31 marzo 2015.

I soggetti esclusi da tale obbligo sono:

  • attività o professionisti che rientrano nel regime forfettario (Legge n. 98/14);
  • attività o professionisti che si avvalgono del regime dei minimi o regime di vantaggio (comma 3, art. 27, decreto legislativo n. 98/2011);
  • categoria dei produttori agricoli (comma 6, art.34, DPR 633/72).

Sono esenti dall’obbligo di fatturazione elettronica anche le operazioni transfrontaliere. Ciò significa che le attività di cessione di beni e prestazioni di servizi da e verso l’estero possono continuare ad essere registrate con fatture cartacee. Tali fatture devono seguire la numerazione adottata per identificare le fatture elettroniche emesse e ricevute da venditori e committenti che operano in Italia.

Ma, cosa comporta inviare una fattura elettronica in ritardo? Scopriamolo insieme.

Vuoi gestire al meglio gli incassi della tua attività?
Axepta ha la soluzione di pagamento su misura per il tuo business

 

Sanzione fattura elettronica inviata in ritardo: cosa dice la normativa 

Cosa succede se si invia una fattura elettronica in ritardo? La normativa vigente prevede alcune sanzioni per le fatture elettroniche inviate in ritardo, con errori, scartate dal Sistema di Interscambio (SdI) oppure omesse.

L’articolo 6, comma 1, del D.lgs n. 471/1997 stabilisce che in caso di fattura elettronica inviata in ritardo o non emessa si applica “la sanzione amministrativa compresa tra il 90% e il 180% dell’imposta relativa all’imponibile non correttamente documentato o registrato nel corso dell’esercizio. Alla stessa sanzione, commisurata all’imposta, è soggetto chi indica, nella documentazione o nei registri, una imposta inferiore a quella dovuta.”

La sanzione minima è pari a 500 euro. Se la violazione non incide sulla corretta liquidazione del tributo, la sanzione va da un minimo di 250 euro a un massimo di 2.000 euro.

L’intervento più recente dell’Agenzia delle Entrate in materia di sanzioni sulla fattura elettronica inviata in ritardo, omessa o errata è la risposta all’Interpello n. 129 del 14 maggio 2020. Il documento precisa che la trasmissione della fattura immediata emessa oltre la scadenza dei 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione, anche se cade in un giorno festivo, è punibile con le sanzioni previste dalla normativa.

Non è quindi possibile applicare la norma secondo cui “i versamenti e gli adempimenti, anche se solo telematici, previsti da norme riguardanti l’Amministrazione economico-finanziaria che scadono il sabato o in un giorno festivo sono sempre rinviati al primo giorno lavorativo successivo” (articolo 7, lettera h, Dl n. 70/2011).

 

Riduzioni delle sanzioni: il ravvedimento operoso

Le sanzioni da pagare in caso di omessa, errata o tardiva fatturazione elettronica possono essere ridotte tramite l’istituto del ravvedimento operoso che consente di regolarizzare le violazioni e le omissioni tributarie.

L’articolo 13 del decreto legislativo numero 472/1997 prevede le seguenti riduzioni:

  • 1/9: entro 90 giorni dalla data di omissione o dell’errore;
  • 1/8: entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno in cui è stata commessa la violazione;
  • 1/7: entro il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno successivo in cui è stata commessa la violazione;
  • 1/6: oltre il termine di presentazione della dichiarazione IVA relativa all’anno successivo in cui è stata commessa la violazione.

 

Qual è il codice tributo modello F24 per il pagamento delle sanzioni?

Il pagamento della sanzione deve essere eseguito tramite modello F24, compilando la sezione erario ed utilizzando il codice tributo 8911.

 

Termine emissione fattura elettronica: entro quando va inviata?

Il termine di emissione di una fattura elettronica dipende dal tipo di documento:

  • nel caso di fattura immediata, l’invio della fattura elettronica al Sistema di Interscambio (SdI) è possibile entro 12 giorni dalla data di effettuazione dell’operazione, ovvero dalla data del documento;
  • nel caso di fattura differita, l’emissione e l’invio telematico della fattura elettronica deve avvenire entro il giorno 15 del mese successivo a quello in cui è stata effettuata l’operazione.

 

GetYourBill: una soluzione pratica per emettere scontrini elettronici e fatture elettroniche

GetYourBill è un sistema innovativo che permette a chi gestisce un’attività di emettere scontrini telematici e fatture elettroniche in modo semplice e automatizzato.

GetYourBill si integra perfettamente nel software del sistema di cassa o sul terminale POS e recupera in pochi secondi tutti i dati del cliente necessari per la compilazione dei documenti fiscali (esclusivamente da database certificati). Una volta ottenuti i dati necessari, GetYourBill invia fatture elettroniche in modo automatico ed emette scontrini elettronici direttamente da POS senza il bisogno di dotarsi di un registratore telematico.

 

Fatturazione elettronica, contabilità e pagamenti elettronici

Quando si parla di fatturazione elettronica e di contabilità, un aspetto fondamentale da considerare è quello legato al mondo dei pagamenti, in particolare ai pagamenti elettronici. Infatti, dotarsi di un sistema di pagamento innovativo e all’avanguardia, in grado di tracciare automaticamente tutti gli incassi dell’attività, è indispensabile per monitorare correttamente i flussi contabili del tuo business.

Axepta BNP Paribas, da anni attiva nel settore dei pagamenti innovativi e attenta alle esigenze dei propri clienti, offre soluzioni di pagamento su misura per ogni attività: dal pratico ClicPay, servizio pensato per incassare a distanza senza e-commerce e senza POS mediante SMS, e-mail o QR code contenenti link sicuri di pagamento, all’innovativo Hi-POS DUO, il terminale tascabile che trasforma lo smartphone in POS e ti consente di incassare in-store o in mobilità in pochi secondi e senza canone mensile.

Inizia a incassare pagamenti elettronici e velocizza il check-out della tua attività: scopri le tariffe dei terminali Axepta e migliora i tuoi risultati di business

 

Il presente materiale ha natura pubblicitaria e viene diffuso con finalità promozionali. Per le condizioni economiche e contrattuali, consultare i Fogli informativi disponibili sul sito axepta.it. La vendita dei prodotti e dei servizi presentati è soggetta all’approvazione di Axepta BNP Paribas.