Vendere su Amazon: tutto quello che devi sapere

Vendere su Amazon significa aprirsi a nuovi mercati e raggiungere 300 milioni di clienti attivi in più di 180 Paesi nel mondo.

Che cos’è Amazon?

Amazon nel primo trimestre del 2021 ha registrato risultati record secondo il Sole 24 Ore: l’aumento del fatturato è stato del 44% con ricavi pari a 108,52 miliardi che hanno permesso alla piattaforma e-commerce più popolare del pianeta di superare nuovamente la soglia dei cento miliardi di vendite in tre mesi. Inoltre, Amazon ha previsto vendite tra i 110 e i 116 miliardi nel secondo trimestre del 2021.

Imparare come vendere su Amazon è quindi indispensabile per gli esercenti che desiderano sfruttare le opportunità offerte dal mercato online, raggiungere milioni di nuovi clienti e aumentare sia la notorietà del brand, sia le conversioni.

Che cos’è Amazon? Il colosso degli e-commerce non ha bisogno di particolari presentazioni. L’azienda nasce nel 1994 come libreria online dall’idea di Jeff Bezos, fondatore e attuale CEO, e da quel momento il percorso è tutto in ascesa: basti pensare che oggi il marketplace vende qualsiasi tipo di prodotto e Bezos è considerato l’uomo più facoltoso del pianeta tanto da essere stato proclamato Persona dell’anno da Time Magazine nel 1999.

Semplicità di acquisto, servizio clienti efficiente e logistica avanzata sono i punti di forza di Amazon che permette ai commercianti di raggiungere un pubblico di utenti particolarmente ampio senza dover investire risorse nella creazione di un proprio e-commerce.

Inoltre, la piattaforma rappresenta la soluzione ideale per le attività che desiderano internazionalizzare il proprio business. Infatti, aprendo un Account Venditore è possibile vendere i propri articoli non solo nel proprio paese, ma anche su tutte le piattaforme Amazon globali.

Hai iniziato a vendere online e vuoi incassare pagamenti da remoto in modo semplice e sicuro?
Con Axepta puoi trovare la soluzione di pagamento online migliore per te

Vendere su Amazon: caratteristiche del Piano Base e del Piano Pro

Per vendere su Amazon è necessario creare un Account Venditore. La piattaforma mette a disposizione dei seller due diversi tipi di piano:

Piano di vendita individuale: senza Partita IVA

  • Pensato per chi è alle prime armi, prevede di vendere meno di 40 articoli al mese e vuole mantenere bassi i costi iniziali;
  • È prevista una quota di 0,99 € per articolo venduto + commissioni di vendita aggiuntive;
  • Non sono necessari di strumenti di vendita avanzati o programmi aggiuntivi;
  • Tutti i prodotti in vendita devono essere caricati manualmente, non è possibile caricare carrelli collettivi come con l’Account Pro;
  • Si possono vendere solo determinate categorie di prodotti;
  • Non sono disponibili funzionalità di gestione di magazzino;
  • Non c’è la possibilità di offrire il pacco regalo per i clienti.

Piano di vendita professionale: con Partita IVA

  • È la soluzione perfetta per i venditori più esperti e le imprese già avviate;
  • Ha un costo di sottoscrizione di 39 € al mese + commissioni di vendita aggiuntive;
  • Permette di vendere più di 40 articoli al mese compresi quelli che rientrano nelle categorie soggette a restrizioni;
  • Consente l’accesso a strumenti di vendita avanzati e l’utilizzo di programmi come Launchpad o Handmade;
  • È possibile collegare l’Account Amazon con il proprio e-commerce gestendo magazzino e ordini;
  • Consente di effettuare caricamenti collettivi di prodotti;
  • C’è la possibilità di offrire il pacco regalo per i clienti;
  • Possibilità di creare offerte in blocco;
  • Gestione del proprio inventario attraverso feed, fogli di calcolo e report;
  • Miglior posizionamento all’inizio delle pagine prodotto;
  • Aumento dell’efficienza delle vendite grazie all’integrazione API;
  • Possibilità di impostare le proprie spese di spedizione per i prodotti non appartenenti alla categoria Media;
  • Coinvolgere gli acquirenti grazie a strumenti pubblicitari interni;
  • Gestire le promozioni che includono la spedizione gratuita;
  • Aggiungere più utenti al proprio account.

Come creare un account su Amazon e iniziare a vendere

Per registrarsi all’Account Base è sufficiente utilizzare i propri dati personali mentre per sottoscrivere un Piano di vendita professionale è necessario inserire i seguenti dati:

  • Indirizzo email;
  • Carta di credito;
  • Conto corrente e codice IBAN;
  • Tipo di impresa;
  • Partita IVA;
  • Data e luogo di inizio attività;
  • Numero di iscrizione al Registro delle Imprese;
  • Numero di telefono dell’impresa;
  • Documenti del delegato e del beneficiario dell’Impresa.

Dopo aver effettuato la registrazione come venditore Amazon è possibile accedere al proprio account Seller Central e cominciare a:

  • Pubblicare i prodotti e le relative informazioni;
  • Aggiornare l’inventario e le offerte;
  • Utilizzare strumenti come le metriche relative ai clienti per monitorare le proprie performance;
  • Rispondere alle domande dei clienti;
  • Aprire ticket di assistenza;
  • Gestire gli ordini e i pagamenti.

Inoltre, grazie all’applicazione Amazon Seller disponibile per iPhone e Android, è possibile gestire la propria attività su Amazon in qualunque momento.

Quanto costa vendere su Amazon?

Come già spiegato, i costi di vendita su Amazon variano in base al tipo di piano. Infatti, per gli Account Base non è prevista alcuna cifra di sottoscrizione mensile mentre l’Account Pro, al contrario, ha un costo fisso di abbonamento mensile pari a 39 euro.

È importante ricordare che scegliere un Piano di vendita professionale significa sostenere anche i seguenti costi:

  • Apertura della Partita IVA (se non si possiede già);
  • SCIA al comune nel quale ha sede l’attività;
  • Iscrizione al Registro Imprese (eseguita con la Comunicazione Unica);
  • Iscrizione all’INPS gestione commercianti (eseguita con la Comunicazione Unica).

Oltre ai costi già elencati, Amazon applica sempre delle commissioni sulle vendite che variano a seconda del piano scelto e dei tipi di prodotti venduti. Vediamo i costi nel dettaglio:

  • Costi di abbonamento: sono quelli che l’utente paga in relazione al piano di vendita selezionato in fase d’iscrizione;
  • Commissioni di vendita: questi costi vengono addebitati per ogni articolo venduto e includono commissioni per segnalazione (che sono una percentuale del prezzo di vendita e variano a seconda della categoria del prodotto) e commissioni variabili di chiusura (che si applicano solo alle categorie Media);
  • Spese di spedizione: vengono addebitate in base alla categoria di prodotto e al servizio di spedizione selezionato dall’acquirente;
  • Tariffe di Logistica di Amazon: per i prodotti gestiti da Amazon (noti come Logistica di Amazon) sono previste commissioni per la gestione degli ordini, lo stoccaggio e i servizi opzionali.

Per consultare le tariffe che potrebbero essere associate al proprio account è consigliabile consultare il Piano commissioni di Vendita su Amazon.

L’importanza della pagina prodotto: quali caratteristiche deve avere?

Una volta registrato un Account seller è possibile inserire inserzioni. Farlo è davvero molto semplice: basta creare il catalogo con i prodotti in vendita, selezionando prima la voce “Catalogo” e poi “Aggiungi nuovo prodotto”.

In seguito, utilizzando la funzione “Cerca”, si potranno cercare i prodotti simili a quello che si desidera vendere. Scegliendone uno, il prodotto da vendere acquisirà automaticamente la tipologia e la categoria di quello selezionato. Se nessuna delle categorie rispecchia quella adatta al proprio articolo, sarà sufficiente selezionare l’opzione “Crea nuova offerta” per inserire manualmente tutti i dati.

Ecco quali sono i consigli di Amazon per creare una pagina prodotto capace di attirare l’attenzione dei clienti:

  1. Immagini del prodotto: utilizzare immagini che abbiano una dimensione di almeno 500 x 500 pixel, tuttavia è consigliabile aumentare le dimensioni a 1.000 x 1.000 per le offerte legate a prodotti di alta qualità. Il prodotto deve essere posizionato su uno sfondo bianco uniforme e deve ricoprire almeno l’80% dell’area dell’immagine;
  2. Titolo del prodotto: utilizzare un massimo di 50 caratteri riportando in maiuscolo la prima lettera di ogni parola;
  3. Indicare le eventuali varianti del prodotto che includono: varianti di colore, dimensioni e fragranze o dimensioni diverse;
  4. Descrizione del prodotto ottimizzata per i motori di ricerca: utilizzare parole chiave in modo che le offerte raggiungano il maggior numero di utenti;
  5. Particolare attenzione merita l’Offerta in Primo Piano, ovvero la sezione della pagina prodotto in cui i clienti possono aggiungere articoli al carrello o procedere subito all’acquisto. Per i venditori che pubblicizzano lo stesso prodotto è consigliabile studiare delle strategie per “aggiudicarsi” l’Offerta in Primo Piano e migliorare le proprie vendite;
  6. Le informazioni riportate nell’elenco puntato devono essere brevi, descrittive ed evidenziare le caratteristiche essenziali e distintive dei prodotti.

Inoltre, chi vende prodotti con marchio può iscriversi al Registro marche Amazon senza costi aggiuntivi. Il Registro marche consente un maggior controllo sulle pagine prodotto che utilizzano il nome del proprio marchio e permette di aggiungere contenuti multimediali alle pagine prodotto.

La consegna dei prodotti: come gestire le spedizioni con Amazon?

Dopo aver compilato la scheda prodotto, l’inserzione è pronta. E la spedizione? I venditori Amazon hanno a disposizione due opzioni per far arrivare agli acquirenti i prodotti ordinati:

  • Possono farlo autonomamente, gestendo l’inventario e spedendo i prodotti ai clienti. In altre parole, tocca al venditore occuparsi dello stoccaggio e della spedizione dei prodotti e Amazon addebita le tariffe di spedizione in base alla categoria di prodotti e al servizio di spedizione selezionato dal cliente;
  • Possono affidare ad Amazon la responsabilità dell’imballaggio, dell’etichettatura e della spedizione dei prodotti al servizio Logistica di Amazon. Amazon dispone di oltre 175 centri logistici in tutto il mondo con più̀ di 150 milioni di metri quadrati di spazio per lo stoccaggio. Con Logistica di Amazon è possibile stoccare
    i propri prodotti sugli scaffali di Amazon e usufruire di una serie di vantaggi, come il servizio clienti, il servizio resi, l’idoneità automatica a Prime e la spedizione gratuita che permettono al seller di far crescere rapidamente la propria attività. Esistono due tipi di tariffe per l’utilizzo di Logistica di Amazon:

    • Costi di gestione: vengono addebitati per unità venduta e includono il ritiro e l’imballaggio degli ordini, la spedizione e la gestione, l’assistenza clienti e i resi dei prodotti;
    • Tariffe di stoccaggio dell’inventario: vengono addebitate mensilmente e si basano sul volume dell’inventario stoccato in un centro logistico Amazon.

I primi 90 giorni da venditore Amazon: 6 consigli per non sbagliare

I primi tre mesi dopo il lancio della propria attività su Amazon sono fondamentali e per aiutare i seller a far crescere il proprio business ecco quali sono i sei consigli di Amazon:

  • Tenere d’occhio lo stato del proprio account in Seller Central;
  • Usare la Logistica di Amazon e il servizio Prime;
  • Pubblicizzare i propri prodotti attraverso offerte e coupon;
  • Iscriversi al Registro marche, inserire elementi multimediali e creare contenuti di valore;
  • Ampliare la propria selezione prodotti;
  • Utilizzare lo strumento di assegnazione automatica del prezzo in Seller Central.

Inoltre, per raggiungere il maggior numero di potenziali clienti è possibile scegliere una delle tre soluzioni pubblicitarie offerte da Amazon e accessibili tramite il Seller Central.

Vuoi incassare pagamenti da remoto in modo semplice e sicuro?
Con Axepta puoi trovare la soluzione di pagamento online migliore per te