Sei già cliente?

Circuito vpay: cos’è e come funziona

Il circuito vpay è un prodotto Visa che rappresenta una facile soluzione per effettuare acquisti o prelevare contanti in tutta Europa, in totale sicurezza

Usufruire del circuito vpay offre una serie di vantaggi e comodità d’uso.

Dal 2007 – anno di lancio da parte di Visa – il circuito vpay ha cominciato a diffondersi quasi in tutta Europa offrendo una soluzione alternativa per il prelievo di contanti presso gli sportelli autorizzati e per il pagamento tramite i classici POS con il marchio vpay che indica l’adesione al circuito.

La maggior parte degli istituti finanziari ha accettato e valorizzato il circuito vpay creando delle carte Bancomat apposite. Tutte le carte vpay consentono all’utente di:

  1. Prelevare in tutta Italia senza alcuna commissione;
  2. Prelevare in Europa in modo sicuro;
  3. Usufruire delle norme di protezione e sicurezza VISA;
  4. Effettuare pagamenti in tutta Europa senza commissioni.

L’arrivo del circuito vpay ha introdotto delle novità non solo per i fruitori finali, ma anche per le banche e per gli esercenti.

Scopri le tariffe e i vantaggi dei sistemi di pagamento di Axepta

 

Circuito vpay: cos’è cambiato per i fruitori finali?

Per rendere fruibile il circuito vpay la maggior parte degli istituti bancari ha creato delle carte con il logo vpay. Per i titolari di queste carte bancomat il principale vantaggio è rappresentato dalla sicurezza garantita per le operazioni effettuate, di pagamento e di prelievo, in quanto le carte vpay sono protette dalla tecnologia “chip&pin”: un sistema avanzato strutturato su uno standard internazionale di sicurezza adottato in tutto il mondo.

La tecnologia di pagamento “chip&pin” è garantita dalla combinazione di un microcircuito (il classico chip presente sul bancomat) e di un pin (il classico codice segreto di 5 cifre che ci viene chiesto di digitare prima di un pagamento o di un prelievo).

La combinazione tra il chip e il pin garantisce un elevato livello di sicurezza, riducendo notevolmente la possibilità di subire frodi legate alla clonazione.

 

Circuito vpay: cos’è cambiato per le banche e per gli esercenti

Il circuito vpay per garantire la sicurezza attraverso la combinazione di un chip e di un pin sfrutta le potenzialità della tecnologia EMV, acronimo di Europay, Mastercard e Visa. Sulla tecnologia EMV – considerato uno standard globalmente riconosciuto per l’utilizzo di smart card, terminali POS e sportelli ATM per l’autenticazione di transazioni con carte di credito e di debito – molte banche ed esercenti hanno erogato diversi investimenti

Inoltre, con il circuito vpay, le banche soddisfano i requisiti SEPA, l’area unica dei pagamenti in euro, che facilita la transizione verso un mercato europeo dei prodotti di pagamento con un maggiore dinamismo.

Dal canto loro gli esercenti, invece, avranno la garanzia di ricevere pagamenti senza alcun rischio di transazioni fraudolente o contestate.

 

Ecco dove sono accettati i bancomat compatibili con il circuito vpay

Nell’ottica di agevolare la sicurezza delle transazioni sul proprio territorio e fuori dai confini nazionali e continentali, molte banche hanno connesso diversi tipi di carte a questo innovativo circuito Visa.

In Italia, nella Repubblica di San Marino e nella Città del Vaticano è possibile usare le carta con marchio vpay presso gli esercenti e gli sportelli con logo vpay. Lo stesso vale per le stazioni di rifornimento di carburante, anche se ancora la diffusione nelle pompe di benzina non è piena. Lo stesso vale per i paesi europei.

E per gli Stati Uniti? Fuori dal nostro continente potrebbero verificarsi dei problemi di funzionamento in quanto l’uso delle carte di debito è ridotto rispetto all’Europa, meno sponsorizzate rispetto alle carte di credito.

Vuoi proteggere i tuoi pagamenti online e quelli dei tuoi clienti?
Che tu sia un privato, un’e-commerce, una start up o un’impresa, con i sistemi di pagamento di Axepta puoi trovare la soluzione di pagamento online migliore per te.

2018-06-13T12:08:09+02:0013 Giugno 2018|Fai quadrare i conti|