Allestimento vetrine: 10 consigli per un negozio di successo

Allestimento vetrine: le regole di visual merchandising per realizzare un punto vendita ideale

L’allestimento vetrine è un’attività indispensabile per attirare l’attenzione dei potenziali clienti. Oltre il 50% dei consumatori modifica le proprie scelte d’acquisto e la propria disponibilità di spesa in base all’esposizione della merce all’interno del punto vendita.

I dati rilevati dalla recente analisi svolta dall’Associazione statunitense NRMA (National Retailers Merchant Association) evidenziano l’importanza essenziale che l’attività di allestimento vetrine assume all’interno della strategia di marketing e comunicazione di un punto vendita. La vetrina non costituisce esclusivamente il biglietto da visita di un negozio, bensì rappresenta uno strumento indispensabile per attirare l’attenzione del potenziale cliente e favorirne il processo di acquisto.

Per allestire una vetrina accattivante e convincente è necessario conoscere alcuni semplici fondamenti di Visual merchandising, la disciplina che permette di disporre in modo attraente i prodotti destinati alla vendita riservando particolare attenzione all’ambientazione e alla veste grafica dello store.

Generalmente gli studi di Visual merchandising evidenziano l’importanza della stimolazione dei sensi del cliente all’interno del processo decisionale d’acquisto. Una vetrina con prodotti disposti accuratamente è in grado di creare un percorso visivo emozionale e di attirare particolarmente l’attenzione dei potenziali consumatori.

Un ulteriore fattore fondamentale all’interno del processo decisionale d’acquisto è determinato dal tempo: i clienti sono in cerca di esperienze semplici e veloci, apprezzano tutto ciò che è facilmente comprensibile e amano comunicazioni chiare ed efficaci. Una vetrina ben allestita, proprio come l’arredamento del negozio, ha lo scopo di comunicare visivamente un’offerta immediata e semplice per agevolare il cliente nella propria “shopping experience”.

Vuoi migliorare i tuoi risultati di business?
Scegli la soluzione di pagamento Axepta più adatta alle tue esigenze

 

Allestimento vetrine: 10 suggerimenti per creare una vetrina accattivante

  1. Definisci il target della tua clientela

Per allestire una vetrina vincente e elaborare strategie di Visual merchandising efficaci è indispensabile definire e analizzare il proprio pubblico target. Conoscere le abitudini dei potenziali clienti, il loro stile di vita e la loro disponibilità di spesa è essenziale per ottenere successi con il proprio punto vendita. Per poter comprendere le abitudini d’acquisto dei propri consumatori è di fondamentale importanza instaurare con loro un rapporto stabile basato su fiducia e affidabilità. Promuovere sondaggi di tipo Social o chiedere opinioni all’interno dello store possono rivelarsi attività utili per creare affinità con i propri clienti e di conseguenza per individuare le migliori strategie di Visual merchandising per il proprio negozio.

  1. Non esporre troppi prodotti: pochi, ma buoni

Un errore particolarmente comune nell’attività di allestimento vetrine è l’esposizione di una quantità eccessiva di prodotti. La vetrina non è uno strumento progettato per contenere l’intero inventario, bensì deve rivelarsi il più efficace mezzo pubblicitario del punto vendita esponendo esclusivamente i prodotti di migliore qualità. Gli spazi vuoti sono necessari: devono essere allestiti seguendo un preciso ordine mentale al fine di valorizzare ogni prodotto esposto. In particolare per i negozi di abbigliamento, il consiglio di esporre pochi capi con criterio e ordine è essenziale. Nella moda, si sa, l’impatto visivo è tutto. Come allestire una vetrina di abbigliamento? L’ordine al primo posto!

  1. Segui la “regola del 3″

Disporre i propri prodotti in modo accuratamente pianificato è un’attività essenziale per attirare l’attenzione dei potenziali consumatori. La mente umana, in presenza di immagini poco chiare e non coerenti simmetricamente, dimostra una particolare inclinazione verso la disattenzione e la distrazione. Gli esperti di Visual merchandising propongono una soluzione efficace per ideare vetrine in grado di mantenere elevata la concentrazione del consumatore, la “regola del 3”: posizionare i propri prodotti secondo schemi simmetrici e suddivisi in 3 parti è una valida strategia per mantenere attiva la mente del cliente e creare vetrine accattivanti.

  1. Crea un tema e racconta una storia

Una vetrina con il fine di colpire i potenziali clienti deve necessariamente risultare coerente, unica e originale: definire un tema o uno sfondo per la vetrina del punto vendita è un’attività indispensabile per conferire al proprio marchio esclusività e autenticità. I prodotti esposti non devono essere posizionati senza logica, bensì devono essere in grado di raccontare una storia, di emozionare il potenziale cliente e convincerlo così a visitare il negozio. Gli scenari maggiormente utilizzati per l’attività di allestimento vetrine sono senza subbio le festività: Natale, San Valentino o Pasqua risultano temi mainstream perfetti per qualsiasi tipologia di negozio. Un’attività davvero originale deve però essere in grado di comunicare un’immagine autentica e creativa del proprio marchio individuando una nuova scenografia per ogni mese dell’anno.

  1. Studia la distribuzione ideale per i prodotti

Dopo aver selezionato i prodotti vincenti all’interno dell’inventario è indispensabile individuarne la corretta disposizione all’interno della vetrina. Alcuni studi di Visual merchandising analizzano la posizione del “punto focale” all’interno della vetrina, in altre parole individuano uno spazio che viene visualizzato inconsciamente prima degli altri. Considerando che il punto focale di ogni vetrina si trova nella parte centrale ad un’altezza di circa 1,5 mt, è necessario collocare il proprio best seller in questa precisa posizione per poter attirare l’attenzione dei potenziali clienti esclusivamente su questo prodotto. La scelta della disposizione dei prodotti in vetrina è un’attività indispensabile per ottenere successo: è consigliato dare particolare risalto alle novità, ai best seller e ai prodotti maggiormente in linea con la brand identity.

  1. Utilizza i colori per attirare l’attenzione

L’attività di allestimento vetrine non può prescindere dall’importanza dei colori: da sempre, infatti, il colore è un elemento in grado di colpire e attirare facilmente l’attenzione. Utilizzare colori sgargianti, accesi e divertenti è un’attività essenziale per creare vetrine di successo. L’accostamento di tonalità simili è in grado di comunicare un senso di equilibrio e tranquillità, l’abbinamento di due colori complementari è invece la soluzione ideale per creare contrasto e centrare l’attenzione in un punto preciso. Una variante di fondamentale importanza è il colore dello sfondo della vetrina: le tonalità dei prodotti esposti e degli accessori utilizzati per attirare l’attenzione devono essere in grado di creare combinazioni di colore efficaci e originali con le sfumature del background.

  1. Esponi sempre i prezzi

Comunicare il prezzo della propria merce all’interno della vetrina espositiva è un’attività indispensabile: il costo di un prodotto è, infatti, un fattore predominante nel processo d’acquisto del consumatore. Il prezzo di ogni prodotto presente in vetrina deve essere esposto in modo chiaro e intuitivo. Posizionare un portaprezzo di qualità in grado di informare l’acquirente in modo immediato e semplice potrebbe rivelarsi un’attività vincente. Prezzi particolarmente scontati e offerte molto vantaggiose devono essere evidenziati in vetrina per attirare l’attenzione del cliente.

  1. Rinnova spesso l’allestimento della vetrina

Cambiare periodicamente l’allestimento della propria vetrina è un’attività particolarmente efficiente: la costante modifica dell’esposizione della merce potrebbe suscitare interesse e curiosità nei potenziali clienti e condurli quindi all’interno del punto vendita. È consigliato cambiare il “look” della propria vetrina ogni 3-4 settimane per risultare sempre originali e innovativi. La variazione della disposizione dei prodotti in vetrina non sarà utile esclusivamente per attirare nuovi clienti, bensì si rivelerà uno strumento indispensabile per comunicare un’immagine aggiornata e creativa del proprio marchio.

  1. Informa i passanti: comunica informazioni, servizi e promozioni

Anche l’attività di allestimento vetrine risente inevitabilmente della rivoluzione tecnologica: i consumatori 4.0 amano informarsi ricercando online caratteristiche e informazioni relative ai prodotti acquistati. Un’iniziativa ingegnosa per attirare l’attenzione dei clienti potrebbe riguardare la creazione di QR code destinati all’esposizione in vetrina. Con uno smartphone in grado di leggere il codice, infatti, l’acquirente potrà raggiungere la pagine web del punto vendita nella quale acquistare comodamente la merce online e reperire tutte le informazioni dettagliate riguardanti i prodotti esposti in vetrina.

  1. Crea un’atmosfera riconoscibile

La vetrina è il biglietto da visita di ogni negozio e, come tale, deve riproporre le caratteristiche che contraddistinguono il punto vendita. L’illuminazione, i colori, gli sfondi e le tipologie di allestimento proposti in vetrina devono essere in grado di rappresentare al meglio l’identità dello store e del marchio. La coerenza tra vetrina e negozio è un fattore fondamentale nel processo d’acquisto del consumatore: logica e semplicità sono caratteristiche apprezzate dai clienti che non possono mancare all’interno e all’esterno del punto vendita.

Vuoi far crescere la tua impresa e migliorare i tuoi risultati di business?
Con i sistemi di pagamento di Axepta puoi trovare la soluzione di pagamento online migliore per te